DAL 29 LUGLIO AL 2 AGOSTO @ECOLANDIA

TechneLab, Paesaggio Disturbato

# ,

Fare arte utilizzando il paesaggio non solo come soggetto ma come materia stessa dell’opera. È questa l’essenza della land art.
Nata come reazione degli artisti alle atmosfere museali percepite come asettiche, la land art porta l’arte al di là degli spazi espositivi tradizionali. Lo fa tuttavia in modo più radicale rispetto alla “sited sculpture”. Infatti la land art consiste in “una forma integrata di scultura come paesaggio e di paesaggio come scultura in cui il contesto con le sue mutevoli condizioni assume valore di soggetto principe nella formazione e nella percezione dell’opera” (Beardsley 1984).

Insomma, il land-artista fa del paesaggio naturale ed urbano non solo il contesto dell’opera ma l’opera stessa, realizzando su e attraverso di esso interventi a varia scala e invasività.
La Krauss scrive che con la land art la scultura si dilata nel territorio, coinvolgendo il paesaggio in quanto tale e l’architettura, che diventano rispettivamente un non-paesaggio e una non- architettura (1998).

Il nostro intervento deriva da una buona conoscenza delle potenzialità del sito di realizzazione e sposa in pieno tale filosofia.

Esso opera una destrutturazione del paesaggio su vari livelli attraverso:
1) la parzializzazione operata dalla cornice
2) la riflessione dell’elemento specchiante
3) la distorsione del riflesso indotta dalla sottile lastra d’acciaio deformata dagli elementi atmosferici.

La forte interazione con lo spazio carica la scultura, costruita sui forme elementari ed essenziali, di forza ancestrale. Al tempo stesso è sollevata una questione ambientale che solleva interrogativi sugli esiti dell’azione umana sull’ambiente naturale. Come artisti, attraverso la visionarietà, offriamo un’interpretazione inconsueta di quest’azione, prefigurando poeticamente modi alternativi di esercitarla .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.facefestival.org @Ecolandia Parco ludico tecnologico ambientale - Via Scopelliti (Arghillà) - 89135 Reggio di Calabria (RC)

Associazione Cat.On.A. - Via dei Garibaldini, 55 - 89135 Reggio di Calabria (RC)