18•19•21•25•28 LUGLIO 2018 @ECOLANDIA

DI NOTTE TRA I RAMI

Francesco Scialò – Ti vedo nel buio della notte camminare tra i rami

La perseveranza, la precisione, la costanza del ragno nel costruire la sua tela, in alcune credenze popolari, avvicina l’opera costruttiva dell’insetto al divino. Le stesse pregevoli doti possono essere attribuite alle ricamatrici, depositarie di un sapere antico e che si va perdendo. L’opera si pone quale ponte tra l’uomo e la natura, quest’ultima esaltata quale espressione più alta del divino.
Durante la residenza l’artista tesserà la sua tela con corde naturali per poi legarla tra gli alberi in modo da renderla “abitabile” da chiunque voglia connettersi mediante essa con la natura.

Bio

Francesco Scialò nasce nel 1963 a Reggio Calabria dove vive e lavora. Si forma all’interno del mondo della pittura, amore per il  colore che non abbandonerà mai, percepibile  anche nei lavori di scultura, dove il colore fisico è assente. Da sempre è un accumulatore seriale di tutti gli oggetti che incontra. Questo lo porta spontaneamente a usarli frequentemente all’interno dei suoi lavori.

Alcuni anni fa dal ritrovamento di un tappo di bottiglia di acqua minerale nei boschi dell’Aspromonte, Scialò, inizia un’ indagine sulle multinazionali e sul loro accaparramento di tutte le acque potabili del pianeta, sulla desertificazione, sull’inquinamento e su tutte le problematiche correlate all’acqua. Il lavoro ancora attivo, è costituito da centinaia di opere, cm20x20, dipinti, grafiche, mappe, foto, acquarelli, matite, pastelli.

Nel 2000 l’artista trascorre 24 ore vivendo da uomo senza una fissa dimora, esperienza che aveva già vissuto alcuni anni prima a Trevi in occasione di un evento al Trevi Flash Art Museum.

Negli ultimi anni, Scialò si interessa, in uno dei suoi progetti, al concetto del Kit. Seziona e riassembla oggetti che abitualmente sono impossibili da smontare. Una bandiera, una bombola del gas, uno specchio, tappeti, lenzuola, giacche.

È affascinato dall’impossibile, i miracoli, negli ultimi lavori, sono un tema che l’artista sta scandagliando in tutte le loro sfaccettature.

Francesco Scialò non usa mai lo stesso titolo per la stessa opera esposta in più occasioni. Il titolo non è mai riferito direttamente all’opera per non dare indicazioni precise e condizionare la propria interpretazione dell’opera.

Curriculum sintetico

2019:  “Risorgimento”, Macro, Museo d’Arte Contemporanea, Roma:

“Aspromonte” , Francesco Scialò, Gallery Last Touch, Musta, Malta

Segni Agathae, Gam, Ciminiere, Catania

2015: Residenza Artistica Cosenza BoCS Art, Cosenza

2013: Memoire Maroc, Dar Cherifa, Marrakech, Marocco

2012: Artour , Evento ricognizione artisti del territorio, Reggio Calabria

Architettura Incisa, Istituto Nazionale per la Grafica, Roma

2002: Mostra “Alto volume corporale” , Palazzo Piacentini, San Benedetto del Tronto – Gloria Gradassi – Gianluca Marziani

Mostra “Una babele postmoderna” , Palazzo Pigorini, Parma – Edoardo di Mauro

2001:  Mostra “Ipernatura” , Stamperia dell’arancio Artecontemporanea – Ascoli Piceno – luca beatrice-Gloria Gradassi – Gianluca Marziani

2000: Mostra “Ironic”, TRevi Flash Art Museum, Trevi Perugia;

Mostra, “Trapassato Futuro”, Cartiere Vannucci, Milano – Alessandro Riva

Mostra personale ”Francesco Scialò” galleria B & D, Milano;

Mostra “Sui Generis”, Museo PAC, Milano; – Alessandro Riva

1999: Mostra “Ultrasculture”, spazio Pescheria, Pesaro; Ludovico Pratesi – Roberta Ridolfi

1998: Mostra “Cronache Vere”, Spazio Consolo, Milano; Alessandro Riva

Mostra “Alter Status”, galleria B & D, Milano; Maria Campitelli

Mostra personale “Campo Fiorito”, galleria Placenta Arte, Piacenza

mostra “Panorama Italiano”, Trevi Flash Art Museum, Trevi, (PG);

mostra  “Laboratorio Politico di fine Secolo”, galleria Per Mari e Monti, Macerata; 

mostra “Versus II”, museo Ex Lanificio Bona, Carignano, (TO);

1995: mostra “ Aperto Italia” , Trevi Flash Art Museum – Trevi (PG)  Francesco Bonami, Helena Kontova, Gabriele Perretta, Sergio Risaliti, Marco Senaldi

1994: mostra “Equinozio d’Autunno”, museo Castello di Rivara, Rivara, (TO);

mostra “EDEN”, galleria Care Off, Cusano Dilanino, (MI);

1993: mostra “Cinque presenze”, galleria Raucci-Santamaria, Napoli;

1989: mostra personale “Francesco Scialò”, galleria Il Labirinto, Palermo;

mostra “Progetto impossibile”, Museo Palazzo Braschi, Roma; Paolo Balmas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.facefestival.org @Ecolandia Parco ludico tecnologico ambientale - Via Scopelliti (Arghillà) - 89135 Reggio di Calabria (RC)

Associazione Cat.On.A. - Via dei Garibaldini, 55 - 89135 Reggio di Calabria (RC)

www.facefestival.org @ EX VIVAIO FORESTALE - Località Cucullaro - 89057 S. Stefano in Aspromonte (RC)